« Signore, da chi andremo ? Tu hai parole di vita eterna » Gv 6,68














 
                    

Lunedì 17 Luglio 2017

S. Jadwiga (Edvige), regina di Polonia (1374-1399)

image Per saperne di più sui Santi del giorno... Cerca un santo image


Santa Jadwiga (Edvige)
Regina di Polonia
Patrona delle Regine, della Polonia e della Unione Europea

 

E

dvige d’Angiò (Jadwiga) o  Edvige di Polonia nasce a Buda (odierna Budapest), Ungheria, il 18 febbraio 1374.
Figlia minore di Luigi I d’Ungheria e di Elisabetta Kotromanic di Bosnia, le sue nonne materne erano discendenti della Casa Reale dei Piasti, antica dinastia polacca. Fu Regina della Polonia dal 1384 e Granduchessa di Lituania dal 1386.

Sin dalla sua infanzia Edvige era stata educata a leggere abitualmente la Sacra Scrittura, il Salterio, le Omelie dei Padri della Chiesa, le meditazioni e le orazioni di San Bernardo, i Sermoni e le Passioni dei Santi ed altre opere religiose classiche.

Il 18 febbraio 1386 sposò il granduca lituano Jagello, che promise di ricevere il battesimo insieme con tutta la sua nazione, ultimo baluardo pagano in Europa, nonché l’unificazione alla Polonia. Questo matrimonio cambiò la storia europea, trasferendo la frontiera della civiltà occidentale sino ai confini orientali del neonato regno polacco-lituano.
Con Edvige si aprì il “secolo d’oro” della storia cristiana della Polonia, cioè il XIV secolo. Edvige è presentata solitamente nell’atto di “regnare servendo”, comportamento che ne fa immediatamente risaltare la sua maturità cristiana, fondata su una vita impregnata di fede e di carità.
Nei suoi confronti è riscontrabile inoltre un’ininterrotta ammirazione da parte del popolo polacco, accompagnata ad un vero e proprio culto ancora vivo oggi a distanza di secoli.
In Edvige vi era un intreccio di doti e virtù, religiosità e devozione, e tutto ciò contribuiva ad irradiare santità in ogni sua attività quotidiana. Dalla sua profonda ascesi cristiana, scaturì un giusto autocontrollo volto a dominare il suo carattere forte e vivace.
Edvige si rivelò sempre fedele alla tradizione ed in profonda comunione con la Sede Apostolica.
Ottenne da papa Bonifacio IX (Pietro Tomacelli, 1389-1404) la possibilità di celebrare il Giubileo in Polonia. Incoraggiò la traduzione in polacco di molti testi latini in modo da incrementarne la diffusione fra i suoi sudditi. Fu molto attiva e prodiga in donazioni per la costruzione di ospedali e luoghi di accoglienza per poveri e orfani. Collaborò intensamente alla fondazione del vescovato di Vilniuscon per rafforzare il cristianesimo in territorio lituano. Donò i suoi gioielli e persino delle insigne regali per finanziare il recupero dell’Accademia di Cracovia, ribattezzata, nel 1817, come Università Jagellonica in onore suo e di suo marito. Fondò. nel 1397,  a Cracovia, la prima Facoltà di Teologia della storia polacca.

Al tempo stesso si dimostrò tollerante nei confronti delle altre confessioni cristiane e delle altre religioni. 

Il matrimonio non fu subito fruttuoso e, purtroppo ebbe modo di gioire assai poco della sua maternità fisica, perché l'unica figlia, erede al trono, Elisabetta Bonifacia morì in breve tempo dopo la sua nascita.
A distanza di quattro giorni, il 17 luglio 1399, si spense anche Edvige, alla giovanissima età di 25 anni e 5 mesi. Premurosa della sorte del coniuge, preoccupata per la solidità dello Stato e per la continuità della dinastia Jagellonica, prima di morire consigliò al marito di sposare Anna di Cilli, figlia di Guglielmo e nipote del re San Casimiro il Grande.
Il suo corpo fu sepolto insieme a quello della  figlia nella Cattedrale di Wawel.   

L’8 giugno 1997 a Kraków, in Polonia, San Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005) canonizzò dinanzi ad una folla oceanica la prima regina della sua nazione, Jadwiga (Edvige), appartenente, come ricordò il Papa, alla “gloriosa stirpe degli Angioini”, dunque di sangue capetingio. Nell'Omelia di canonizzazione il Santo Padre ha ricordato come questa Santa per noi cattolici possa essere considerata, come la regina  Brigida di Svezia, “patrona d’Europa”.



Fonte principale: blogspot.fr/santa-edvige- (“RIV./gpm”).




 
©Evangelizo.org 2001-2017